Cosa vedere a Valdobbiadene e dintorni tra bollicine, borghi e vigneti

di Selene Scinicariello

Sei un amante delle bollicine, non rinunci mai al tuo bicchiere di Prosecco e finalmente ti sei deciso a visitarne la zona di produzione? Ecco una breve guida che ti accompagnerà alla scoperta di cosa vedere a Valdobbiadene e dintorni!

Dopo aver esplorato un po’ la zona, ecco che abbiamo preparato per te qualche veloce e semplice consiglio per aiutarti a organizzare un itinerario da queste parti.

Di seguito ti indicheremo le cose da fare e i luoghi imperdibili da vedere.

Inoltre, se hai poco tempo a disposizione, ti verrà sicuramente comoda la mappa sulla quale abbiamo segnato tutti i posti di cui ti parleremo e un percorso da seguire se rimarrai in zona solo un giorno.

 

DA NON PERDERE!

Per un soggiorno davvero indimenticabile, leggi la nostra guida alle migliori cantine con pernottamento a Valdobbiadene.

 

Valdobbiadene

 

Iniziamo subito parlando di cosa vedere a Valdobbiadene nel suo piccolissimo centro.

Qui, infatti, vale la pena fermarsi per ammirare la monumentale Piazza Marconi su cui si affaccia l’imponente Duomo di Santa Maria Assunta.

Nella posizione in cui si trova l’attuale chiesa esisteva già una pieve durante la seconda metà del 1200, ma l’edificio odierno, con il suo elegante aspetto neoclassico, risale alla fine del Settecento.

A pochi metri dalla Chiesa si trova un alto campanile a pianta quadrata.

Lasciando Piazza Marconi, con una passeggiata di circa 10 minuti, ti suggeriamo di raggiungere la Villa dei Cedri.

Questa raffinata villa ottocentesca deve il suo nome a un grande albero centenario presente all’interno del suo parco.

Purtroppo la villa oggi viene aperta solo in occasione di alcuni eventi, ma l’area verde che la contorna, invece, è sempre aperta al pubblico e fruibile gratuitamente.

 

La Strada del Prosecco

 

strada del prosecco, una delle più belle strade panoramiche d'italia

Strada del Prosecco.

 

Da Valdobbiadene parte l’itinerario principale della Strada del Prosecco, un percorso lungo circa 90 km che nasce con l’intento di far conoscere l’area di produzione del celebre vino in tutti i suoi aspetti più peculiari.

Non solo cantine, allora, ma anche paesaggi magnifici fatti di vigneti i cui filari sembrano non interrompersi mai, piccolissimi borghi dove passeggiare lentamente dimenticandosi lo scorrere del tempo, eremi, chiesette e altre testimonianze medievali che raccontano ormai da secoli la storia di questi luoghi.

Insomma, un itinerario che ti accompagnerà su e giù per le colline del Prosecco per farti innamorare di un territorio ricchissimo sotto ogni punto di vista.

Sul sito ufficiale della Strada del Prosecco e Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene troverai le descrizione dei diversi percorsi e itinerari da seguire e potrai scaricarne la mappa.

 

Secondo noi la Strada del Prosecco è una delle strade panoramiche più belle d’Italia: scopri quali sono le altre leggendo il nostro articolo di approfondimento!

 

Le Cantine del Prosecco

 

cosa vedere a valdobbiadene e dintorni: cantine del prosecco

 

Ovviamente se hai deciso di visitare Valdobbiadene e dintorni non puoi farti scappare l’occasione di andare a conoscere una o più cantine della zona.

Una visita in cantina seguita da una degustazione, infatti, è il modo migliore per comprendere al meglio il territorio e per fare quattro chiacchiere con le persone che lo vivono e che quotidianamente si impegnano per farlo conoscere.

Inoltre crediamo che solamente in cantina si riesca davvero a iniziare ad avvicinarsi in maniera consapevole a un prodotto, il Prosecco, che è ormai diffusissimo e che, purtroppo, nella grande distribuzione non sempre è sinonimo di qualità.

Se hai deciso di visitare le cantine a Valdobbiadene e dintorni, eccone alcune da non perdere:

 

  • Prosecco Follador, Via Gravette, 42 31010 Col San Martino.

 

  • Carpenè Malvolti, Via Antonio Carpenè, 1 31015 Conegliano.

 

 

  • Ruggeri Prosecco Valdobbiadene, Via Pra Fontana, 4, 31049 Valdobbiadene.

 

  • Bortolomiol, Via Giuseppe Garibaldi, 142, 31049 Valdobbiadene.

 

 

  • Val d’Oca, Via San Giovanni, 49, 31049 Valdobbiadene.

 

 

Anello del Prosecco Superiore

 

cosa vedere a valdobbiadene e dintorni: anello del prosecco

 

Continuiamo i nostri consigli con un suggerimento per i più sportivi.

Se ami camminare o pedalare, allora vale davvero la pena calarsi tra i vigneti per percorrere l’Anello del Prosecco Superiore, un itinerario naturalistico che si snoda nella zona collinare di San Pietro di Barbozza, Saccol e Santo Stefano.

Il percorso è lungo circa 9 km, ha un dislivello di 364 m ed è percorribile, a piedi, in circa 2 h 50.

Qui trovi tutte le informazioni e la traccia del sentiero.

Di questo sentiero esistono anche varianti più brevi che puoi trovare descritte QUI o di cui, comunque, puoi chiedere informazioni presso lo IAT di Valdobbiadene.

Tutti i sentieri partono da Piazza di San Pietro di Barbozza.

Noi durante la nostra visita in zona abbiamo seguito le indicazioni per un itinerario di circa 2 km e, nonostante le indicazioni non fossero sempre chiarissime lungo il percorso, ci siamo goduti una bella passeggiata nel verde insieme a Rakino (il nostro Jack Russell) che dopo è stato molto più felice di accompagnarci ad assaggiare qualche vino!

 

Eremo di Sant’Alberto

 

Poco distante da San Pietro di Barbozza, si trova un altro luogo da non perdere: l’Eremo di Sant’Alberto.

Questo antico edificio di culto è da sempre meta di pellegrinaggio per la gente del posto che, nel periodo estivo, si recava qui per invocare la pioggia durante i mesi di siccità.

Purtroppo oggi l’eremo è generalmente chiuso ed è visitabile solo esternamente.

Se ami il trekking, però, ti suggeriamo di seguire l’itinerario denominato Il Trodo degli Oratori.

Questo percorso ad anello, infatti, fa tappa davanti all’eremo così come nei pressi di tanti altri piccoli oratori e chiesette della zona. Si tratta di una bella escursione che unisce la bellezza del paesaggio alla spiritualità.

Qui trovi le coordinate del sentiero.

 

Col San Martino

 

cosa vedere a valdobbiadene e dintorni: col san martino

 

A circa 15 minuti di auto da Valdobbiadene si trova la frazione di Col San Martino che ospita due tappe che vale la pena inserire in un itinerario tra le colline del Prosecco: la Chiesa di San Vigilio e il Tempio di San Martino.

Entrambi questi luoghi, infatti, sorgono in posizione panoramica tra i vigneti e regalano quelle che sono, forse, le vedute più belle di tutta la zona.

 

Combai

 

Il piccolo borgo di Combai è una tappa imperdibile per tutti gli appassionati di enogastronomia.

Il piccolo centro, infatti, è famoso per i suoi Marroni di Combai IGP e per il Verdisio, vitigno autoctono della Pedemontana trevigiana.

Insomma, se passi da queste parti in autunno, è una tappa praticamente obbligata anche perché a inizio Ottobre si tiene una divertente festa che li celebra entrambi!

 

L’Abbazia di Follina

 

cosa vedere a valdobbiadene e dintorni: abbazia di follina

 

Tra le cose da vedere a Valdobbiadene e dintorni merita sicuramente la visita l’Abbazia di Follina.

Questo antico monastero cistercense è un vero e proprio gioiello che, ne siamo sicuri, non ti lascerà indifferente.

L’esistenza dell’edificio è testimoniata già a partire dalla prima metà del 1100, ma nel corso dei secoli, come potrai immaginare, la struttura subì rimaneggiamenti, ampliamenti e anche numerosi danni, soprattutto a seguito della Prima Guerra Mondiale.

Negli anni Venti il complesso è stato attentamente restaurato e oggi è un’autentica oasi di pace e serenità.

La parte più affascinante dell’Abbazia è sicuramente il suo chiostro che risale addirittura al 1268. Se ne osserverai le colonne con attenzione noterai che sono tutte decorate in maniera diversa le une dalle altre.

L’Abbazia di Follina è visitabile tutti i giorni nei seguenti orari dalle 7:00 alle 12:00 e dalle 14:30 alle 19:00.

Dopo aver visitato l’Abbazia ti consigliamo di fare una passeggiata anche nel piccolo borgo di Follina che fa parte del circuito dei Borghi più Belli d’Italia.

 

Cison di Valmarino

 

Solamente cinque minuti d’auto separano Follina da Cison di Valmarino, un’altra delle località inserite nel circuito dei Borghi più Belli d’Italia e insignita della Bandiera Arancione del Touring Club.

Il cuore del centro storico è Piazza Roma su cui si affacciano Palazzo Barbi, oggi sede del Comune, la Loggia, oggi trasformata in teatro e la Chiesa di Santa Maria Assunta.

Per i più curiosi una visita particolare potrebbe essere quella al Museo delle Radio d’Epoca.

Se ami camminare, invece, ti suggeriamo di incamminarti lungo la Via dei Mulini, un percorso storico naturalistico che risale la valle del fiume Rujo per raggiungere i vecchi lavatoi e gli antichi mulini.

 

Castel Brando

 

cosa vedere a valdobbiadene e dintorni: castelbardo. Foto da Booking.com

Foto da Booking.com.

 

La vera attrazione di Cison di Valmarino, però, è senza dubbio Castel Brando, un’antica fortezza con più di 2000 anni di storia!

Oggi questo luogo, dopo un lungo e scrupoloso restauro, ospita uno sfarzoso hotel 4 stelle che promette di far vivere ai propri ospiti un’esperienza da favola.

Camere, suite ed eleganti appartamenti sono stati ricavati tra le stanze del castello, così come una grande SPA di circa 2000 mq, diversi ristoranti e due bar.

 

GUARDA CASTELBRANDO SU BOOKING.COM!

 

Il castello, però, non è solamente un hotel: alcuni spazi, infatti, sono stati adibiti ad aree museali accessibili anche dagli ospiti esterni.

I giardini e i terrazzamenti panoramici sono visitabili in autonomia e senza prenotazione, per le aree museali, invece, è necessario prenotare.

Qui trovi informazioni e orari.

 

Rolle

 

Rolle non è sicuramente il borgo più bello da visitare lungo la Strada del Prosecco, ma senza dubbio il paesaggio in cui è immerso vale la sosta.

Il nostro consiglio è quello di programmare una fermata lungo la strada per scattare qualche fotografia dai punti panoramici che si incontrano guidando.

 

I Laghi di Revine

 

Tra le colline del Prosecco si nascondono anche alcune incredibili bellezze naturali: è il caso, ad esempio, dei Laghi di Revine.

Questi due bacini d’acqua sono di origine glaciale e sono separati tra loro da una zona paludosa abitata da diverse specie di uccelli.

Si tratta del posto perfetto dove fare un picnic, godersi una passeggiata nella natura (c’è un sentiero ad anello che costeggia le sponde del lago) o semplicemente rilassarsi un po’.

Nei dintorni si trova anche la Panchina Gigante #181.

 

Monte Cesen

 

Un’altra tappa imperdibile per gli amanti della natura è il Monte Cesen che svetta a ridosso delle Colline di Valdobbiadene e permette di catapultarsi letteralmente in alta montagna in circa mezzora di macchina.

La località da raggiungere è Pianezze. Una volta lì potrai incamminarti lungo uno dei numerosi sentieri che danno modo a chiunque di godersi la natura incontaminata in qualsiasi stagione.

Gli itinerari sono tanti e ognuno ha il proprio grado di difficoltà.

Noi, ad esempio, ti suggeriamo il Sentiero dell’Acquedotto e delle Prese che è contrassegnato con difficoltà “Facile”, è lungo circa 6 km e presenta un dislivello di 380 m.

In alternativa è interessante anche l’itinerario Posa Puner e le Malghe che è un pochino più lungo e presenta un dislivello maggiore.

 

Pieve di San Pietro di Feletto

 

Tra i luoghi legati alla spiritualità tra le colline del Prosecco merita di essere visitata anche la Pieve di San Pietro di Feletto, poco distante da Conegliano.

L’edificio odierno è stato costruito su alcuni resti di epoca longobarda, ma il suo aspetto è cambiato più volte nel corso dei secoli.

Il suo interno è a tre navate e presenta alcuni magnifici affreschi risalenti al XIII / XV secolo tra cui spicca senza ombra di dubbio il Cristo Pantocratore tra la Vergine e San Pietro.

Bellissima è anche la fonte battesimale che si trova all’interno di una piccola cappella completamente affrescata con gli episodi della vita di San Sebastiano.

Per gli orari di apertura e le visite, il nostro suggerimento è quello di rivolgersi direttamente alla Pro Loco di San Pietro di Feletto.

 

Il Molinetto della Croda

 

cosa vedere a valdobbiadene e dintorni: molinetto della croda

 

Non lontano dalla Pieve si trova un’altra tappa imperdibile, il Molinetto della Croda.

Questo antico mulino ad acqua del XVII è immerso in uno scenario bucolico: situato vicino a una cascatella e a un laghetto sembra davvero uscito da una fiaba!

L’edificio è stato attivo fino al 1953 e, dopo anni di abbandono, è stato recentemente restaurato e oggi ospita un interessante museo della molitura.

Al piano terra si trova la ricostruzione dell’antica macina che è possibile vedere in funzione!

Sul sito ufficiale del Molinetto della Croda trovi tutte le informazioni necessarie per organizzare la tua visita.

 

Conegliano

 

Ovviamente tra i consigli su cosa vedere a Valdobbiadene e dintorni non può mancare Conegliano, l’altra località simbolo dell’area di produzione del Prosecco.

In questo caso il centro storico è un pochino più grande e vale la pena considerare almeno una mezza giornata per la visita.

Tra i punti d’interesse principali ti suggeriamo velocemente:

 

  • Il Castello che ospita l’interessante Museo Civico.
  • Il Duomo.
  • L’Ex Convento di San Francesco.
  • La Chiesetta della Madonna della Neve.
  • Piazza Cima e il Teatro dell’Accademia.
  • La Fontana del Nettuno o dei Cavalli.
  • Il Museo degli Alpini.

 

Vittorio Veneto

 

cosa vedere a valdobbiadene e dintorni: vittorio veneto

 

Se ti fermerai in zona per più giorni, allora un’altra tappa da tenere in considerazione è Vittorio Veneto.

Famosa per l’omonima battaglia che ha visto la vittoria dell’esercito italiano su quello austro – ungarico, la cittadina è la fusione di due località: Serravalle e Ceneda.

Nonostante Vittorio Veneto non sia particolarmente battuta dal turismo di massa merita almeno una visita di qualche ora.

Tra le tappe più interessanti nel suo centro storico ti segnaliamo:

 

  • Il Duomo di S. Maria Nuova.
  • La Cattedrale di Santa Maria Assunta.
  • Il Santuario di Santa Augusta.
  • La Loggia della Comunità a Serravalle, oggi Museo del Cenedese.
  • Il Castello di San Martino.
  • Il Museo della Battaglia.

 

Il Parco del Piave

 

cosa vedere a valdobbiadene e dintorni: fiume piave

 

Lasciando le colline del Prosecco alle proprie spalle, consigliamo a chi ama passeggiare a contatto con la natura e a chi viaggia, come noi, con un amico a quattro zampe, di raggiungere il Parco del Piave nei pressi di Bigolino.

Si tratta di un’area naturale incontaminata dove è possibile passeggiare in tranquillità seguendo un sentiero piuttosto semplice che conduce fino al letto del fiume.

Ricorda sempre di portare rispetto per la natura: non sporcare e non recare danni a ciò che ti circonda!

L’ingresso consigliato è quello segnalato come “Entrata Ovest Parco Naturalistico del Piave” su Google Maps.

 

Possagno

 

cosa vedere a valdobbiadene e dintorni: possagno

 

Per gli amanti dell’arte, invece, non può mancare una tappa a Possagno, città natale dello scultore Antonio Canova.

Qui, infatti, si trova il magnifico Museo Gypsotheca Antonio Canova all’interno del quale sono conservati i modelli in gesso e alcuni bozzetti in argilla di alcune delle sue più belle opere.

Noi lo abbiamo trovato interessantissimo e lo ricordiamo sempre come uno dei musei più belli in assoluto mai visitati.

Per maggiori informazioni su orari e tariffe ti suggeriamo di visitare il sito ufficiale della Gipsoteca.

Poco distante dal museo, inoltre, si trova il Tempio Canoviano, una chiesa in stile Neoclassico progettato sempre dal Canova.

 

Asolo

 

cosa vedere a valdobbiadene e dintorni: asolo

 

Poco distante da Possagno, un’altra tappa da tenere in considerazione se trascorrerai diversi giorni tra Valdobbiadene e dintorni è senza ombra di dubbio il piccolo borgo di Asolo.

Il suo centro storico è davvero ben conservato e vale la pena salire fino alla Rocca per ammirare un magnifico panorama.

 

Villa di Maser

 

Infine, sempre a chi ama le visite culturali consigliamo di raggiungere la Villa di Maser, una splendida villa veneta costruita dal Palladio al cui interno potrai ammirare uno spettacolare ciclo d’affreschi del Veronese.

Per maggiori informazioni sugli orari di apertura e sui biglietti, ti rimandiamo al sito ufficiale di Villa Maser.

 

Valdobbiadene: cosa vedere in un giorno

 

Ora conosci i principali luoghi da vedere a Valdobbiadene e dintorni, ma se hai poco tempo a disposizione per visitare la zona è probabile che tu abbia bisogno di qualche suggerimento per organizzare al meglio la tua visita.

Ecco, allora, quali potrebbero essere le tappe da non perdere per visitare Valdobbiadene e la zona del Prosecco in un giorno:

 

  1. Valdobbiadene;
  2. Eremo di Sant’Alberto;
  3. Abbazia cistercense di Santa Maria di Follina;
  4. Cison di Val Marino;
  5. Molinetto della Croda.

 

Ecco qui la mappa con tutti i luoghi da vedere a Valdobbiadene e dintorni dove abbiamo segnato anche l’itinerario consigliato se hai solamente un giorno a disposizione.

 

 

Dove dormire a Valdobbiadene e dintorni

 

Se, invece, vuoi fermarti in zona qualche giorno in più, ti suggeriamo di prenotare un hotel con anticipo per essere certo di poter trascorrere la tua vacanza immerso nei magnifici paesaggi del Prosecco.

Noi ti consigliamo di soggiornare in una delle cantine di Valdobbiadene e dintorni che offrono anche pernottamento (leggi la nostra guida a questo proposito!): l’esperienza di dormire tra i vigneti è davvero unica e indimenticabile!

In ogni caso in zona ci sono diversi ottimi hotel tra cui scegliere a seconda delle tue esigenze.

Noi, ad esempio, ti suggeriamo:

 

  • Duca di Dolle: un magnifico relais ospitato all’interno di un antico monastero del XVI secolo circondato da vigne che hanno oltre 70 anni.

 

  • Agriturismo Althea: struttura ospitata all’interno di un antico casolare contadino di metà del 1700 dove troverai le camere e il ristorante dell’Azienda Agricola Althea.

 

 

  • Locanda MaMaGiò: struttura nuova e ricercata in una location da favola situata in posizione panoramica.

 

 

Se tra quelli che ti abbiamo elencato non c’è nulla che faccia al caso tuo, continua a esplorare tra le offerte di Booking.com: siamo certi che troverai una struttura perfetta per te!

 



Booking.com

 

Speriamo che i nostri consigli su cosa vedere a Valdobbiadene e dintorni possano esserti utili.

Lasciaci un commento