Il Tortano Gaetano: il dolce di Pasqua della tradizione

di Selene Scinicariello
dettaglio tortano gaetano e uova

Il Tortano Gaetano è quel dolce che mi ricorda l’infanzia, la Pasqua in famiglia e la mia nonna che trascorreva ore e ore in cucina con la porta chiusa e la finestra del balcone aperta. Mi ricorda le giornate di sole e le pasquette di pioggia, i pranzi a casa e i picnic sui prati. Il Tortano di Pasqua mi ricorda Gaeta.

Nella bella città del Golfo, infatti, non c’è Pasqua senza questo dolce zuccherato. Si prepara giorni prima e lo si lascia lì, coperto, per essere svelato solo la domenica. Allora sì che lo si può mangiare. Se ne mangia una fetta dopo pranzo e poi, per giorni, diventa colazione e merenda.

Quando ero piccola non lo amavo particolarmente. Non ero una grande fan dei dolci. Ne mangiavo un po’ per far contenta la nonna e poi basta. Oggi, a distanza di anni, lo rimpiango. Mangerei tutte le fette non mangiate allora.

Chissà se dipende dalla nostalgia o se davvero i gusti cambiano.

Posso sentire ancora il suo profumo, ricordo quel retrogusto di limone, mi immagino la glassa con i confettini colorati che scrocchia e cade dappertutto.

Oggi qualche fetta la mangio ancora quando i miei genitori la portano di rientro da Gaeta nel periodo pasquale, ma cosa te lo dico a fare, lo saprai anche tu, non è più buono come quello della nonna!

 

Il Tortano Gaetano di Pasqua: tradizione e significati

 

Il Tortano di Gaeta è un ciambellone alto, molto soffice e ricoperto di glassa bianca e zuccherini colorati.

La tradizione vuole che il Tortano venga preparato qualche giorno prima per poi essere lasciato lì, in attesa della domenica.

Mamme e nonne raccontavano ai bimbi, per non farglielo mangiare, che dentro c’era un verme e che quel verme sarebbe andato via solo a Pasqua, dopo la benedizione.

Il Tortano non è solo un dolce, ma è una vera e propria tradizione e un simbolo della Pasqua gaetana.

La forma a ciambella, ad esempio, non è casuale e ricorda la corona di spine di Cristo. Non sono casuali neanche gli zuccherini colorati con cui si addobba la glassa: questi, infatti, rappresentano la rinascita e la Primavera.

 

Il Tortano Gaetano: la ricetta

 

Il Tortano dolce di Gaeta è una ricetta semplicissima da preparare, ma che necessita di alcuni accorgimenti. Vediamoli.

 

Ci tengo a dirti che, come per tutte le ricette tradizionali, ognuno ha la sua. È possibile, perciò, che altri utilizzino diverse quantità per gli ingredienti.

 

Ingredienti (x1 ciambella)

 

Per la Ciambella

  • 3 uova;
  • 200 g. di zucchero;
  • 100 g. di burro (o olio di semi);
  • 1 bicchiere e 1/2 di latte;
  • 250 g. di farina;
  • 1 bustina di lievito per dolci;
  • 1 grattata di scorza di limone (o arancia).

 

Per la Glassa

  • 1 albume;
  • 180 g. di zucchero a velo;
  • 1 cucchiaio di succo di limone;
  • confettini colorati.

 

Procedimento

 

Il procedimento per preparare il Tortano Gaetano è semplice, ma ricordati che per ottenere un risultato migliore (come quello delle nonne) dovresti preparare tutto a mano. In ogni caso, anche se userai le fruste, il dolce sarà ottimo.

Allora, iniziamo.

Monta uova e zucchero finché non ottieni un composto bello spumoso.

Aggiungi il burro precedentemente fuso e il latte.

All’ultimo aggiunti la farina, il lievito e una gratta di scorza di limone o arancia.

A questo punto cospargi lo stampo con burro e farina e riempilo con il composto.

Inforna a 180° in forno preriscaldato per 30 – 45 minuti.

Un consiglio, non aprire il forno prima dello scoccare della mezzora per non far abbassare la temperatura.

Per controllare se il dolce è cotto ti basterà usare uno stuzzicadenti: se una volta bucata la ciambella uscirà pulito, il Tortano Gaetano sarà pronto.

Nel frattempo dovrai preparare la glassa: sbatti l’albume con lo zucchero e il limone fino a montare il composto.

Quando il dolce sarà pronto, capovolgilo su un vassoio e glassalo. L’ultimo passo sarà cospargerlo con gli zuccherini colorati.

 

Ora che sai tutto sul Tortano Gaetano non ti resta che provare a prepararlo o, quantomeno, andare in pasticceria per acquistarlo e assaggiarlo!

Se hai intenzione di visitare Gaeta nel periodo pasquale, non perdere l’occasione di assaggiare questo dolce tradizionale, ma non dimenticarti di gustare anche tutti gli altri piatti tipici gaetani.

Lasciaci un commento

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE